Archivio della categoria “Grandi Eventi”

foto da La mia Settimana Santa

Il Rotary Club Cagliari sud ha organizzato uno spettacolo di beneficenza con lo scopo di raccogliere fondi per il  restauro del preziosissimo Crocefisso del 1700 che si trova esposto nella chiesa di Sant’Efisio a Cagliari. Si tratta del Cristo “snodato” che duranti i riti della “Settimana Santa” viene portato in processione.

La chiesa di Sant’Efisio sorge su una grotta, che affonda per nove metri nella roccia calcarea, ritenuta tradizionalmente la

prigione dove Efisio fu rinchiuso prima di essere decapitato sulla spiaggia di Nora nel 303 d. C.. Nel 1726, su progetto dell’architetto piemontese Antonio Felice De Vincenti, venne iniziata la costruzione dell’Oratorio dell’Arciconfraternita. In seguito l’edificio fu modificato per adeguarlo al più moderno stilebarocchetto piemontese; nel 1780 la vecchia chiesa fu demolita e la sua ricostruzione si concluse nel 1782.
La facciata, delimitata da lesene ioniche, è spartita in tre ordini da cornici orizzontali. L’interno è a navata unica, voltata a botte, scandita da paraste e trabeazioni di gusto classico.
Sui lati si aprono tre cappelle per parte; l’ampio presbiterio è sopraelevato e coperto da una cupola ottagonale su tamburo.
L’arredo marmoreo conferisce all’interno un’impronta tipica moderna del gusto di fine Settecento.
L’altare maggiore, in preziosi marmi policromi, opera del marmoraro lombardo Giovanni Battista Franco, è datato 1786; mentre è del 1791 l’altare della cappella di Sant’Efisio, sulla destra. Qui è collocata la statua del santo, opera dello scultore Giuseppe Antonio Lonis, databile al 1755, che ogni anno si porta in processione in occasione della famosa sagra del 1° Maggio.
Nel 1798 fu eretto l’altare del Crocifisso nell’Oratorio dell’Arciconfraternita che, alla fine dell’Ottocento, fu annesso alla chiesa.
La chiesa conserva dipinti di Francesco Costa, Domenico Colombino e del cagliaritano Sebastiano Scaleta.
Fra le statue pregevole una scultura di ambito napoletano del XVII secolo raffigurante l’Ecce Homo.

 

Lo spettacolo di beneficenza è un Gran Varietà ricco di soprese con la regia e conduzione di Luca De Angelis.

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ieri è stata inaugurata la 20^ edizione della manifestazione Monumenti Aperti a Cagliari.

Per l’occasione, come è ormai tradizione, molti studenti cittadini rivestono il ruolo di ciceroni, suddivisi nei diversi monumenti della città.

Nel Duomo di Cagliari sono stati i ragazzi dell’Istituto Salesiano ad accompagnare i visitatori nella conoscenza di questo importante  luogo di culto monumentale .

Sotto un video della giornata di ieri

Video importato

YouTube Video

Tag:, , , ,

Comments 3 Commenti »

L’alba a Stampace, le traccas dei 278 Comuni e il lungo cammino del cocchio del santo guerriero. La fotogallery dei migliori momenti dell’evento che, da oltre tre secoli e mezzo, unisce la Sardegna.

Clicca qui per vedere le altre foto della festa:   Sardegna Oggi

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Dal 17 FEBBRAIO 2016 ,presso la cripta di Santa Restituta,  dal MARTE alla DOMENICA, dalle 10 alle 13 -

CHIUSO IL LUNEDI’

Tag:, , , ,

Comments 2 Commenti »


Prosegue la generosità da parte di tanti artisti verso gli ospiti dell’Istituto comunale Vittorio Emanuele II di Pirri-Cagliari. Il prossimo appuntamento che sarà domani alle 16,30, vedrà protagonista l’attore e chitarrista cagliaritano Giampaolo Loddo. In tanti lo ricorderanno come pioniere della più antica televisione sarda “Videolina” dove da conduttore e musicista col suo complessino (I bellini baciando), ci faceva divertire con le sue gag. Le sue battute sono diventate un tormentone per anni e ancora oggi in molti le ricordano con simpatia. Però il nostro simpaticissimo Giampaolo da allora, si è dedicato anche a cose molto più impegnative come il teatro e il cinema di un certo livello. Indimenticabile la sua interpretazione nel film premiato al festival di Venezia “Ballo a tre passi”di Salvatore Mereu.

Ebbene, domani l’attore cagliaritano regalerà agli ospiti della casa di riposo una seratina speciale fra parodie, canzoni e battute in allegria.L’ingresso è libero

 fonte: Musicamore blog

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Foto gentilmente concessa da Luciano Bonino

Foto a confronto di un balcone. La prima fotografia risale aalla fine degli anni ’30 nel giorno del 1 maggio in occasione della processione di Sant’Efisio. La seconda è dei giorni nostri. Il palazzo fronte a sinistra non esiste più perchè bombardato durante la seconda guerra mondiale.

Questo stesso balcone, sarà sede di un concerto di musiche varie che si terrà Domenica 26 Luglio 2015 alle ore 21. La platea sarà la scalinata della Basilica di Sant’Anna.  

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Inaugurazione dell’Arena sita nel Parco della musica, e intitolata al soprano cagliaritano Giusy Devinu

Video importato

YouTube Video

Comments Nessun commento »

Ogni anno Sant’Efis sceglie i migliori cavalli della Sardegna in sella a cavalieri ed amazzoni di provata fede.

di Mario Salis

Foto di Pierpaolo Dore

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Imperatrice e Maciste escono dal Portico dello Sperone ovvero la Porta degli Alberti con i Miliziani di Stampace, Mario e Daniele per affrontare il basalto scivoloso di via Azuni per l’onore e la scorta di Sant’Efis, Nel ricordo di Salvatore Viola. (foto di Cicci Marcialis)

 

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Fabrizio Pau, è un cagliaritano Doc. La sua famiglia, da parte di padre, è vissuta in Castello mentre  da parte materna nel quartiere Stampace. Bisnonni , nonni e e una buona parte del parentado della  madre ha abitato, tra la via Sant’Efisio , e la via Santa Restituta.

Da piccolo frequentavi questi quartieri?

Si, da bambino ho sempre frequentato soprattutto il quartiere Stampace. La mia famiglia  ha vissuto qui fin dalla fine dell’ 800 ed ha sempre fatto parte della Venerabile Arciconfraternita Del Gonfalone del Glorioso Sant’Efisio Martire.

Esistono dei documenti che attestano queste origini?

Si, esiste il registro dei Confratelli e delle Consorelle di quell’epoca. Mia  bisnonna   era appunto una consorella di Sant’ Efisio, mentre i miei nonni paterni, anch’essi componenti della stessa Arciconfraternita, risultano iscritti dall’inizio degli anni 40.

Quanti discendenti hanno continuato questa tradizione?

11 figli da parte di nonna, (di cui 9  donne),  tutte consorelle tra cui mia madre   che oggi detiene il ruolo di Priora. Ancora oggi, all’ interno della Confraternita , ho un numero elevato di parenti stretti tra zii, zie, cugini , e cugine.

E invece tu, quando hai iniziato?

Io faccio parte della Confratenita dal 1988.  All’epoca avevo 20 anni, un desiderio che avevo sin da piccolo essendoci sempre stato in mezzo.

Ma come è iniziato questo percorso?

Ho fatto una domanda al 1°Guardiano Capo, (il Presidente) affinchè potessi entrare anella Confraternita. Era maggio del 1988. Una volta inoltrata la domanda, una commissione , detta dei Postulanti , esamina il candidato e se lo ritiene idoneo lo accetta .

Ma esiste uno statuto?

Si, ed è anche abbastanza rigido. Bisogna  infatti avere dei requisiti ben precisi.

Poi come prosegue il percorso?

C’è il noviziato  che all’ epoca era di  2 anni. In questo periodo il novizio viene osservato dai maestri del noviziato . Le norme principali sono la devozione verso Sant’ Efisio ma anche il rispetto per l’ Arciconfraternita. Passati i 2 anni la commissione decide se dare il parere positivo, e invita il novizio alla sua professione.

Di cosa si tratta? Sono dei voti?

La professione e una cerimonia dove il nuovo confratello entra all’interno dell’Arciconfraternita e durante la quale viene accompagnato da un suo padrino, che deve essere un altro confratello già professo,  e che vestira’ il nuovo confratello con l’abito confraternale completo  e il bacio della Reliquia del Santo. Da questo momento il confratello  ha dei diritti e dei doveri e deve rispettare fedelmente le norme dello Statuto.

Com’ è formata la confraternita?

E’ divisa in due parti. I confratelli  detti Normali,  (che vestono l’abito penitenziale) e i confratelli detti  La Guardiania che dal punto di vista statutario sono il corpo d’onore al Santo, sia per la festa del 1° Maggio che per tutto l’anno.

E se uno volesse entrare Guardiania?

Bisogna sempre fare una domanda scritta al 1° Guardiano che ne darà parere positivo se il candidato ha tutti i requisiti: dimestichezza nella cavalcatura e perfezione fisica. Poi deve provvedere alla sua divisa: Frac  di Gala , cilindro  e fascia azzurra che è il segno tangibile di un Guardiano.

Quale è il tuo ruolo attualmente?

Oramai faccio parte  della Confraternita  da 25 anni e sono membro della Guardiania.

Quali sono i tuoi impegni?

Sono stato sia consigliere che Censore. Negli anni 2009/2013 ho ricoperto il ruolo di 1° Guardiano Capo cioè Presidente dell’ intera Arciconfratenita .

Un grande Onore, congratulazioni!

Si un vero onore. La confraternita ha 500 anni di sodalizio  ed è  dal 1656 che si perpetua il voto a Sant’ Efisio. Io per 3 feste consecutive ho avuto l’onore di leggere la formula dello scioglimento del voto, al rientro del Santo.

 

 

 

 

 

 

 

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

di Mario Salis

Il 1° maggio di quest’anno sarà l’edizione trecentocinquantanove della festa di Sant’Efisio. Efisio o più confidenzialmente Efisceddu, con tutto il rispetto dovuto ad un Santo, come lo chiamano amorevolmente i suoi vicini di Stampaxi, è impegnato nei suggestivi riti della settimana Santa ma è già uscito il 15 di gennaio per un breve giro nel quartiere a ricordo del giorno del suo martirio. Il lunedì di Pasqua di buon ora salirà in Cattedrale per onorare il voto della città del 1793, quando Cagliari inquadrata dal tiro dell’artiglieria della flotta navale francese, grazie alla sua intercessione ed al valore dei Miliziani capitanati da Girolamo Pitzolo, sventò i tentativi di sbarco dei fanti di mare dell’ammiraglio Trouguet. Manca oramai poco più di un mese e se l’Arciconfraternita come ogni anno il 19 di Marzo ha nominato il Terzo Guardiano Tino Murtas che sovraintenderà alle complesse incombenze del cerimoniale, il Sindaco Massimo Zedda ha scelto in netto anticipo l’Alternos della Municipalità, il consigliere comunale Matteo Leccis Cocco Ortu. È la conferma delle forti aspettative riposte dell’Amministrazione Comunale quando lo scorso anno ha avviato le procedure per l’iscrizione del Rito dello scioglimento del Voto e della Festa di Sant’Efisio nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’umanità, secondo i principi stabiliti dalla Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO. L’istanza si è avvalsa della…leggi qui tutto l’articolo

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Domani sera il coro e l’orchestra del Teatro Lirico di Cagliari regaleranno alla città un concerto di solidarietà a favore dei colleghi del Teatro dell’Opera di Roma Capitale d’Italia . Sarà eseguito il Requiem di Mozart diretto da uno dei più grandi direttori d’orchestra italiani: il maestro Donato Renzetti.

Il concerto si terrà nella Piazza Costituzione davanti al Bastione . Il  coro e l’orchestra del Teatro di Roma  stanno vivendo un brutto momento. Il 2 ottobre 182 artisti sono stati licenziati in tronco. Si ha la speranza che i dirigenti possano tornare sui loro passi e a tal proposito si stanno raccogliendo le firme attraverso una petizione online . Chi lo desidera può apporre la firma virtuale cliccando su questo link 

 

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

 

 

Tutti ricorderanno la visita di Paolo VI a Cagliari, il papa oggi Beatificato da Papa Francesco a Roma

Io in modo particolare ricordo il suo passaggio davanti a casa mia. Noi bambini salutavamo con le bandierine e i nostri genitori filmavano. Il video sottostante è stato realizzato da mio padre.

Il percorso prevedeva il passaggio in via della Pineta e via Pessina, fiancheggiando la Piazza Maxia. Potrete notare la trasformazione tra le due epoche.

Video importato

YouTube Video

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Mancano poche ore alla proclamazione della Capitale europea della cultura 2019, un titolo che l’Italia dividerà con Plovdiv, la seconda città della Bulgaria. In molti auspicano sia Cagliari a trionfare nella sfida a 6 con Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna, Siena . Quali benefici porterebbe alla città e all’Isola questa vincita?

Leggi tutto l’articolo di Eleonora Vacca qui su Sardegna Oggi

Tag:,

Comments Nessun commento »

 

di Mario Salis

Si è svolta ieri la presentazione della Carta turistica di Tuvixeddu, curata ed edita dall’Associazione Amici di Sardegna onlus. Per i testi del suo Presidente Roberto Copparoni mentre traduzioni ed adattamenti sono di Annalisa Pirastu

Una grafica piacevole ed esplicativa, illustrano una tra le più importanti e vaste necropoli del Mediterraneo con le sue oltre mille tombe di origine punica e romana, ma con l’unicità di convivere al centro di una città nuova

L’innovativa iniziativa oltre a disporre delle prime copie della pubblicazione, offrirà l’opportunità per un proficuo confronto sull’accesso e fruibilità di Tuvixeddu

Infatti, la sua corretta valorizzazione non può prescindere da ciò che è alla base di ogni processo di conoscenza, ovvero l’informazione e l’indicazione su come raggiungere questo importante sito. L’Associazione di Volontariato Amici di Sardegna, ha dichiarato Copparoni: annovera tra i suoi compiti istituzionali, anche quello della valorizzazione dei giacimenti culturali della Sardegna, e da oltre 20 anni collabora con le amministrazioni pubbliche locali, centrali e periferiche, per la salvaguardia del sito di Tuvixeddu. Per questo motivo abbiamo deciso di realizzare, a proprie spese, la prima cartina turistica di questo sito. Apprezzando questi fini, il Comune di Cagliari ha voluto dare il suo patrocinio riconoscendo l’utilità di questo progetto. Si tratterà, ha continuato l’esponente del sodalizio culturale, ora che il sito è stato aperto al pubblico, di provvedere quanto prima a renderlo meglio fruibile, dotandolo di quanto necessario per la sua migliore fruizione come box di accoglienza, spazio espositivo per acquisto di souvenir, pubblicazioni e materiale divulgativo, pannelli didascalici plurilingue, panchine, cestini, punto di ristoro.

Abbiamo fiducia in questa Amministrazione, ha concluso Copparoni, e speriamo che presto il sito possa soddisfare tutte le esigenze dei visitatori.

Iniziative propositive, dichiarazioni distensive, che se non diradano del tutto le nubi sulla travagliata vicenda del sito archeologico, col suo seguito increscioso ed infinito nelle aule del Tribunale, lasciano ben sperare per il destino della necropoli, affinché la pace oltre che un atavico retaggio del passato, possa diventare una concreta e promettente realtà per il suo prossimo futuro.

http://cagliari.globalist.it/

 

 

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

foto di Manlio Capra

L’appassionato fotografo cagliaritano Manlio Capra ha immortalato, la scorsa notte, una stupenda luna piena .

Le foto del quartiere Stampace, sono state scattate dalle  mura del parcheggio fronte Ospedale San Giovanni di Dio

A quanto pare rivedremo di nuovo questo fenomeno solo nel 2049, tra 35 anni. Oggi 13 giugno 2014 sarà una data memorabile non solo per i superstiziosi, ma soprattutto per chi ama alzare gli occhi al cielo: una luna piena ancora più completa comparirà sopra le nostre teste. Un evento rarissimo: per accadere devono coincidere tre variabili indipendenti, come la fase della luna, il giorno della settimana e il giorno del mese.

Armatevi di macchine fotografiche e cercate il punto più alto della città.

foto di Manlio Capra

Tag:, , , ,

Comments 14 Commenti »

Erano in 28 mila da  tutto il mondo gli studenti dell’università di Yale, ma il cagliaritano Enrico Ferro ha sbaragliato tutti.

Si è laureato con summa cum laude e onori in Biologia cellulare molecolare ed evolutiva nella prestigiosa università americana. Ferro ha 22 anni, e il 19 maggio scorso, il giorno stesso la cerimonia di laurea, ha saputo di essere il vincitore del premio Alpheus Henry Snow, che viene assegnato allo studente dell’ultimo anno di corso che si è distinto oltre che per i risultati accademici anche per carattere e personalità “tali da risultare fonte di ispirazione per gli altri studenti, stimolando in loro la passione per il sapere“.

C’è da dire che Enrico Ferro è un ragazzo che ha sempre brillato negli studi. Lo ricordano bene i  compagni e gli stessi insegnanti dell’istituto Salesiano Don Bosco di Cagliari dove ha frequentato le scuole superiori.

Istituto Salesiano di Cagliari

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

 Questa volta la Partita del cuore sarà a Cagliari ed ha un titolo: ” Oggi vinco io” . La sfida sarà tra una rappresentativa dell’Oncologico costituita da operatori sanitari, pazienti, familiari e volontari, e le Vecchie Glorie Rossoblù. Una vera bomba!

Chi saranno i grandi campioni  che hanno accettato questa bella sfida? Per scoprirlo dovrete partecipare.

La partita si terrà nel  Campo Ferrini di Viale Marconi domenica 8 giugno alle ore 18. 

L’iniziativa è nata con l’intenzione di creare un momento di condivisione e empatia, al di là delle mura ospedaliere, fra tutti coloro che si prendono cura del malato oncologico e con lo stesso, e nel contempo iniziare a costituire una raccolta fondi, che sarà poi gestita dai volontari ospedalieri, per l’istituzione di Sky nelle camere di degenza dei pazienti dell’oncologico.

L’iniziativa è sostenuta dalle associazioni di volontariato e di malati oncologici( Uniti per la Vita, Sinergia Femminile, Lega Italiana per la lotta contro i tumori, Abbracciamo un sogno ), nonché dall’Associazione nazionale dei medici oncologi(AIOM).

L’ ingresso e’ libero. Sono gradite offerte libere per l’obiettivo appena dichiarato, e/o comunque collaborazioni fattive per la sua realizzazione, a favore del miglioramento della qualità di vita dei pazienti durante la degenza ospedaliera.

Organizzatori dell’evento sono il Dr. Daniele Farci e la Drssa M.Bernardetta Aloi dell’Oncologia Medica del Businco. L’addetto stampa e’ il Dr Carlo Cabula della Chirurgia Generale dello stesso nosocomio. Lo staff che organizza l’evento è altresì costituito dalla Drssa Manuela Dettori e dalla Drssa Barbara Fiori della Oncologia Medica , dalla Sig.ra Mariola Trudu e il Sig Giorgio Garau della Direzione Sanitaria, e dai Sig. Stefano Mainas ed Antonio

Sinergia Femminile, Simbett Gioielli, Lilt, Uniti per la Vita, AION, Guardian Angel, ASL Cagliari, Vecchie Glorie Cagliari, rappresentativa Oncologico vi aspettano e vi ringraziano per la partecipazione.

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

La prima pietra

La chiesa dei S.S. Giorgio e Caterina compie 50 anni. Per l’occasione sono state rese pubbliche alcune foto che la ritraggono in costruzione.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Fra i tanti percorsi che offre la città in occasione di Monumenti aperti 2014, voglio suggerirvi di seguire quello che riguarda i sotterranei dell’Istituto Salesiano.

Viale Sant’Ignazio

 Il cunicolo si trova nel cortile interno dell’Istituto e presenta due rampe di scale. Rivestito di cemento solo nel primo tratto, a quota inferiore è scavato nella nuda roccia. La galleria ha una sezione uniforme (280 cm di larghezza per 230 di altezza) ed un rudimentale impianto elettrico con porta-lampade in bachelite che corre a tratti lungo la galleria. A metà percorso una diramazione, mediante una rampa di scale di 26 gradini, risale in un ambiente sotterraneo comunicante con le cucine dell’Istituto.

In diversi punti sono presenti brevi ramificazioni laterali allo scopo di aumentare la capienza del rifugio. In un tratto di galleria sono stati inseriti archi a tutto sesto in mattoni rossi per consolidare la volta, secondo una prassi diffusa in quasi tutti i rifugi di guerra realizzati tra la fine del 1942 ed i primi del 1943, per la difficoltà nel reperire il cemento, destinato principalmente ai bunker militari.

All’altra estremità della cavità è presente una seconda uscita, al lato del campo sportivo, protetta da un robusto muro paraschegge. Vi è ricavata una stretta apertura in funzione di fuciliera per i soldati di guardia al rifugio, come ricordano le carte d’ archivio. Nell’Archivio di Stato di Cagliari, infatti, si conserva il carteggio tra il Rettore dell’ Istituto e il prefetto Leone (responsabile della protezione antiaerea) riguardo alle spese ingenti per la costruzione del rifugio, “utile per tutti” (i rifugi erano a carico dei proprietari per il 70% e dello Stato per il 30%). L’istituto sarebbe stato comunque disponibile a sostenere le spese di acqua, illuminazione, pulizia e manutenzione; istanza accolta, tanto che il rifugio dei Salesiani fu realizzato interamente dallo Stato.

Il progetto, sotto la direzione dell’ing. Carlo Ansaldi, prevedeva 56 m di lunghezza per 2,50 di larghezza e 2,50 di altezza, con piedritti, sedili e cancelli in legno. Il bombardamento del 13 maggio 1943 distrusse la camera dei soldati del Comitato Nazionale della Protezione Antiaerea di servizio al rifugio. Il verbale del 15 maggio 1943 (“Oggetti che si trovavano nella camerata dei soldati in servizio in viale fra Ignazio ai Salesiani”) riporta un elenco di oggetti (armi, effetti personali, biancheria) di cui si specifica il danno totale o parziale o l’integrità.

In questo link troverete tutte le informazioni riguardo Monumenti aperti 2014

Vi segnalo inoltre  il seguente concerto

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »