Archivio della categoria “Spettacoli”

Una delle trasmissioni più longeve della RAI, “Sereno Variabile”, condotta da Alberto Bevilacqua“, sbarca a Cagliari. Il giornalista si sofferma nelle zone caratteristiche del nostro capoluogo presentando le  bellezze della nostra città: Dalla bellissima spiaggia del Poetto, al mercato ittico più vario del mediterraneo: “San Benedetto”; le passeggiate e il centro storico; la città sotterranea con Marcello Polastri, le tradizioni e la bellezza tutta nostra dei fenicotteri e dei suoi parchi nel centro della città. Per chi non avesse visto la puntata ecco il link per rivederla SERENO VARIABILE

 

 Per chi volesse alloggiare a Cagliari ecco alcuni link di BeB nel centro città

ATTICO BIANCO

AFFITTACAMERE  CASTELLO

Vicino alla spiaggia del Poetto

LE DIMORE DEL SOLE

A un passo dalla bellissima spiaggia di Chia

CASAVASCO

 

 

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

foto da La mia Settimana Santa

Il Rotary Club Cagliari sud ha organizzato uno spettacolo di beneficenza con lo scopo di raccogliere fondi per il  restauro del preziosissimo Crocefisso del 1700 che si trova esposto nella chiesa di Sant’Efisio a Cagliari. Si tratta del Cristo “snodato” che duranti i riti della “Settimana Santa” viene portato in processione.

La chiesa di Sant’Efisio sorge su una grotta, che affonda per nove metri nella roccia calcarea, ritenuta tradizionalmente la

prigione dove Efisio fu rinchiuso prima di essere decapitato sulla spiaggia di Nora nel 303 d. C.. Nel 1726, su progetto dell’architetto piemontese Antonio Felice De Vincenti, venne iniziata la costruzione dell’Oratorio dell’Arciconfraternita. In seguito l’edificio fu modificato per adeguarlo al più moderno stilebarocchetto piemontese; nel 1780 la vecchia chiesa fu demolita e la sua ricostruzione si concluse nel 1782.
La facciata, delimitata da lesene ioniche, è spartita in tre ordini da cornici orizzontali. L’interno è a navata unica, voltata a botte, scandita da paraste e trabeazioni di gusto classico.
Sui lati si aprono tre cappelle per parte; l’ampio presbiterio è sopraelevato e coperto da una cupola ottagonale su tamburo.
L’arredo marmoreo conferisce all’interno un’impronta tipica moderna del gusto di fine Settecento.
L’altare maggiore, in preziosi marmi policromi, opera del marmoraro lombardo Giovanni Battista Franco, è datato 1786; mentre è del 1791 l’altare della cappella di Sant’Efisio, sulla destra. Qui è collocata la statua del santo, opera dello scultore Giuseppe Antonio Lonis, databile al 1755, che ogni anno si porta in processione in occasione della famosa sagra del 1° Maggio.
Nel 1798 fu eretto l’altare del Crocifisso nell’Oratorio dell’Arciconfraternita che, alla fine dell’Ottocento, fu annesso alla chiesa.
La chiesa conserva dipinti di Francesco Costa, Domenico Colombino e del cagliaritano Sebastiano Scaleta.
Fra le statue pregevole una scultura di ambito napoletano del XVII secolo raffigurante l’Ecce Homo.

 

Lo spettacolo di beneficenza è un Gran Varietà ricco di soprese con la regia e conduzione di Luca De Angelis.

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

A CACCIA DI DIVERTIMENTO, DI MUSICA E …. DI PREMI!

Un pomeriggio alternativo in giro per la nostra bella città, a …. suon di musica?
Una passione per i quiz, i rompicapo e gli enigmi, … da affrontare con spirito di squadra?
Ecco una occasione per tutti: per famiglie, per ragazzi, per non più ragazzi, per gruppi di amici, per appassionati di cacce al tesoro, per appassionati di musica, per curiosi….
Vi potrete cimentare in un percorso a tappe con prove di abilità e ingegno in cui il tema conduttore sarà la musica.

Sostieni Studium Canticum ed i suoi festival musicali partecipando alla Caccia al tesoro musicale.
Potrai volare dove più ti piace, andare a teatro, in libreria, all’opera, gustare il mitico panino Studium Canticum!

PREMI IN PALIO

Primo premio del valore complessivo di € 1000.00 (voucher agenzia di viaggi)

Secondo premio del valore complessivo di € 500.00 (voucher Teatro lirico)

Terzo premio del valore complessivo di € 250.00 (voucher libreria)

Quarto premio del valore complessivo di € 50.00 (voucher visite guidate)

Premi di consolazione dalla quinta alla decima squadra classificata

Contributo di partecipazione
€ 40 a squadra (le squadre devono essere di quattro componenti, se non hai una squadra completa guarda nel Regolamento come partecipare)

I contributi della Caccia al tesoro musicale confluiscono nella raccolta fondi per la realizzazione delle attività istituzionali nell’anno 2016, con particolare riferimento all’evento Spettacolo Aperto.

Come partecipare

  1. Leggi il Regolamento
  2. Compila la Scheda di iscrizione e, se necessario, la Liberatoria per i minorenni.Nota: se scegli di pagare in persona puoi compilarli contestualmente.
  3. Paga qui con la carta

    oppure di persona

    • nella chiesa di S. Maria del Monte in via S. Croce (snc), il lunedì ed il venerdì con orario 19.00-21.00 a partire dal 03/10/2016
    • presso il negozio Cornershop in Via Alghero 33, il giovedì, il venerdì ed il sabato con orario 10.00-13.00; 17.00-20.00 a partire dal 06/10/2016
  4. Ritira il kit della squadra sabato 22 ottobre, tra le 10.00 e le 14.00, presso il gazebo Studium Canticum ai Giardini Pubblici
  5. Raduna tutta la squadra sabato 22 ottobre tassativamente entro le 14.30, presso il gazebo Studium Canticum ai Giardini Pubblici
  6. Trova il tesoro! :-)

Termine ultimo di iscrizioneOre 12.00 del 22 ottobre

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Ritornare al mio Poetto, anche solo per poche ore ogni estate, è una sensazione bellissima. Io sono nata e cresciuta qui, in questa spiaggia,  dove dai primi di giugno alla fine di settembre ci si vestiva solo col costume da bagno e la nostra “villetta estiva” si chiamava Casotto e distava dalla riva poco meno di 100 m. Solo noi cagliaritani comprendiamo il significato del “suono”  delle ondine, del profumo di salsedine, dei piedi a mollo sulla battigia dove le  mormorette , ancora oggi, ti solleticano la punta delle dita!

Nonostante siano passati diversi decenni da allora, le cose non sono cambiate molto.

Per me il Poetto d’estate è una sorta di palcoscenico a cielo aperto, sarà una deformazione professionale, ma vi giuro che se oggi avessi potuto farne un film avrei dato del filo da torcere  ai fratelli Vanzina.

Allora, come oggi, andare al Poetto di domenica è sempre un’impresa soprattutto per chi non si appoggia, per vari motivi (soprattutto economici) agli stabilimenti o alle cooperative.

Il primo ostacolo è il parcheggio. Alle 9,30 ci siamo ritenuti fortunati ad aver trovato un aborto di parcheggio sul ciglio dello stradone. Chi è arrivato mezz’ora dopo credo abbia deciso di rinunciare alla mattinata e probabilmente si è messo in attesa per  il secondo turno e cioè quando i  mattinieri decidono di rientrare.

La spiaggia,  già superaffollata, ci ha creato  difficoltà a trovare uno spazio dove  piazzare l’ombrellone. Una volta sistemati  e seduti nelle nostre poltroncine ci siamo sentiti come a teatro. Ogni cosa che ci girava intorno era parte di una grande commedia già vista.

Alla mia sinistra due persone mi osservavano con insistenza quasi imbarazzante, poi ho capito il motivo. Una di loro si è avvicinata chiedendomi gentilmente di  custodire le loro borse durante il bagno. Mi ha lusingato  sapere che ho una faccia che ispira fiducia. Erano persone mai viste prima che mi affidavano i loro oggetti personali, e di questi tempi…

La tecnologia ha preso il posto dei giornali. Un tempo, sotto l’ombrellone si sfogliava “l’Ugnone” che, aperto, faceva ombra ai piccolini che giocavano con paletta e secchiello. Oggi c’è l‘Ipad e gli smartphone che non fanno ombra ma in compenso sono un continuo spunto di crastulo. Tre ragazzini , con un tablet, hanno sbirciato a lungo su Facebook tutte le foto personali di alcune loro compagne di scuola con annessi commenti di ogni genere.

Davanti a me, un bel gruppetto di amici di mezza età, probabilmente arrivati in spiaggia dalle prime ore del mattino forse da qualche paesino, hanno giocato  a lungo al “Gioco dell’oca“. Ogni tanto davano uno sguardo alle loro borse frigo e commentavano. Non vedevano l’ora di aprirle e tirare fuori tutte le vettovaglie. Ma l’ora del pranzo era ancora lontana.

Poi ho deciso anche io di prendere  un po’ di sole avviandomi verso la battigia. Devo dire che da questa visuale è stato come se fosse iniziato il secondo atto della commedia.

Prima di tutto la passerella, perchè di questo trattasi. Ragazzi e ragazze a petto in fuori , con tatuaggi in ognidove, facevano vasche avanti indietro per mostrare i risultati del lavoro invernale in palestra.  In questo via vai  c’era l’ex playboy infiltrato che ha dimenticato gli anni a casa.  Per qualche minuto ha tentato di mostrare i pettorali mandando dentro gli addominali con un risultato alquanto patetico soprattutto nel tentativo di  ”abborsare” la 20enne di passaggio. La frase “ehi nonno dove hai lasciato il bastone!” ha fatto sorridere diverse persone intorno.

C’era il capannello di signore di mezza età che parlando di cucina, alternavano la descrizione particolareggiata di  ricette super caloriche a frasi del tipo “Ceeee, bisogna che prima o poi mi metta a dieta“. Di rimando i loro mariti, poco più in là, si confrontavano sulle squadre di calcio e i giocatori più quotati. Inevitabile la frase: “ma Giggiriva era tutta un’altra cosa!” Poi tentavano una finta allerta ad ogni passaggio di venditore africano con frasi del tipo “non sono razzista ma…”

Per un attimo i miei pensieri sono volati indietro nel tempo. Ho rivisto la mia infanzia lì, con i miei genitori e i loro amici che chiacchieravano  di cucina e calcio. In mano non avevano lo smartphone ma una lenza  e, in attesa che il “mummungione” abboccasse, ognuno chiacchierava con l’amico a fianco. Tutti in fila lungo la battigia mentre noi bambini cercavamo nella sabbia umida le telline e i vermetti per le loro esche.

Un gridolino mi risveglia da quei ricordi. E’ un bambino di pochi anni che con gioia ammira l’aquilone che suo padre era riuscito a far volare. Un aquilone di carta che, nonostante la tecnologia, ancora stupisce  e fa gridare di gioia un’innocente.

Video importato

YouTube Video

 

 

 

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments 7 Commenti »

Tornano le notti colorate a Cagliari per la 5° edizione dell’estate cagliaritana. Non solo shopping ad accendere Cagliari ma tanto altro fra spettacoli, concerti, eventi e apertura dei musei in contemporanea con gli appuntamenti del giovedì.

Nelle vie principali di Cagliari i negozi resteranno aperti fino alla mezzanotte e le passeggiate saranno allietate da piccoli concerti e spettacoli allestiti per le strade.
Nei Giardini Pubblici inoltre, si svolgeranno delle serate dedicate agli anni settanta, correlate al tema della collezione di arte contemporanea della mostra di Rosanna Rossi. Le serate saranno arricchite da incontri con artisti e critici, da una rassegna musicale e cinematografica e da flash dedicati al territorio sardo.

“L’idea è quella di estendere la stagione estiva anche a settembre e ottobre – ha spiegato nel corso dell’apposita conferenza stampa il Sindaco Massimo Zedda – in collaborazione con i commercianti e le associazioni di categoria, l’obiettivo è quello di coinvolgere tutti i cittadini ma anche i turisti”.
A questo proposito infatti verrà prolungato anche l’orario di apertura degli infopoint che resteranno a disposizione degli utenti fino alla mezzanotte proprio per incentivare le varie iniziative.

“Cagliari, essendo una città sempre più turistica, coinvolgerà le strutture ricettive del litorale” ha aggiunto la dirigente Antonella Delle Donne, Dirigente del Servizio Attività Produttive e Turismo che ha partecipato, insieme ai rappresentanti delle Associazioni dei consumatori, all’incontro con la stampa.

Parallelamente all’iniziativa, i commercianti di una delle vie più caratteristiche di Cagliari propongono “Estate in Corso”, un progetto per il quale i negozi del Corso Vittorio Emanuele resteranno aperti fino alla mezzanotte non solo il giovedì ma anche nei week-end.

Centro città ma non solo, visto che sono diversi gli eventi e le presenze già confermate che animeranno l’Arena S.Elia. Tra i tanti, Vinicio Capossela e Malika Ayane rispettivamente il 28 e 29 luglio, il Sardinia Live Contest il 3 agosto, l’Hip Hop Alert con Guè Pequeno e Clementino il 4 agosto, De Gregori il 30 agosto e gli Afterhours il 3 settembre.

Protagonista delle notti dell’estate cagliaritana anche il quartiere Sant’Elia dove andrà in scena  l’ottava edizione della Sagra del Pesce.

Inoltre dal 6 al 10 agosto Cagliari ospiterà uno spettacolo di grande spessore con ballerini e artisti italiani di prim’ordine: Notre Dame de Paris.

“I sardi devono essere orgogliosi di essere isolani e non devono più sentirsi isolati” queste le parole del sindaco in chiusura.

  • 29 giugno 2016

 

Tag:, ,

Comments Nessun commento »

Sfilata di personaggi in costume presso il Palazzo Municipale di Cagliari in occasione del primo festival della Danza popolare nel 1958.

Fonte mediateca.comune.cagliari.it/

Comments Nessun commento »

Ho sempre pensato che l’Opera dovesse uscire dal suo guscio, avvicinarsi alla gente  perchè la gente potesse vedere e sentire da vicino cosa significhi cantare e recitare insieme. La distanza di un grande teatro non sempre fa trasparire questo. Ricordo quanto fosse bello portare l’Opera nei  piccoli centri  della Sardegna, quelli che si usa dire dimenticati da Dio, difficili da raggiungere anche con una corriera come quella che ci portava di volta in volta .

Il palcoscenico veniva montato nella piazza principale, o nella strada più grande del luogo e la gente , sin dalla mattina, attendeva curiosa l’evento anche se non aveva mai visto un’Opera lirica. Quando la sera arrivavamo nel posto per iniziare la vestizione, il trucco, la prova di assestamento, le persone ci chiedevano di raccontare con poche parole  la trama, chi voleva notizie su come sarebbe stato lo spettacolo; si volevano ammirare da vicino gli abiti di scena o gli strumenti dell’orchestra. La curiosità era grande e questo faceva si che le serate facessero sempre il tutto esaurito, una vera festa.

Tutto il paese e i turisti che lo avevano scelto come luogo di vacanza , acquistavano il biglietto per una sedia (e non certo una poltrona) pur di vedere a distanza ravvicinata gli artisti. Il successo di pubblico si ripeteva ogni giorno in un posto diverso, era una emozione veramente gratificante.

Per motivi economici questo genere di spettacolo decentrato ha perso la sua tradizione, ma oggi si può fare qualche cosa di simile anche nella nostra stessa città, raggiungendo un pubblico diverso in un luogo inusuale per l’Opera come ad esempio, la spiaggia del Poetto.

Sulla Rotonda del Lido di Cagliari,  lunedì 4 luglio, dalle 20 alle 21,  si terrà una serata di presentazione con una selezione dei brani più famosi dell’opera La Traviata di Giuseppe Verdi, la stessa che sarà rappresentata al Teatro Lirico di Cagliari  dall’8 al 13 agosto.

Complice di quest’operazione è il gruppo editoriale L‘Unione Sarda che vedrà in prima linea il direttore del quotidianoAntony Muroni presente alla serata insieme al direttore d’orchestra di produzione della Traviata, il maestro Gerard Korsten, e lo stesso Claudio Orazi (sovrintendente). A raccontare il dietro le quinte saranno Maria Teresa Leva(Violetta), Emanuele D’Aguanno (Alfredo Germont), Ernesto Petti (Giorgio Germont) e il pianista accompagnatore, il maestro Andrea Mudu.

In programma sette arie, tratte dalla Traviata: “E’ strano, è strano” (Violetta), “Lunge da lei…Dei miei bollenti spiriti” (Alfredo), “Dite alla giovine” (Violetta-Germont), “Dammi tu forza o cielo… Amami, Alfredo” (Violetta-Alfredo), “Di Provenza il mare, il suol” (Germont), “Parigi o cara” (Alfredo-Violetta) e “Libiamo nei lieti calici” (Alfredo-Violetta).

<Abbiamo voluto proporre un nuovo modo di far incontrare l’opera, il Teatro e la città – racconta il sovrintendente del Lirico Claudio Orazi – ci è sembrato naturale scegliere una location di prestigio come quella del Poetto e proporre al gruppo Unione Sarda di valorizzare in modo fresco, giovanile ed elegante un prodotto di qualità, che può aspirare a un pubblico più vasto di quello che tradizionalmente frequenta il teatro».

È in quest’ottica che si è pensato alla diretta su Radiolina: «Attraverso la radio più ascoltata nell’Isola abbiamo la speranza di arrivare a un pubblico ampio, che per mille ragioni non potrà assistere dal vivo a questa originale esibizione, alla Prima e alla varie repliche in teatro – conclude Orazi – nella speranza, perché no, di diffondere la cultura della lirica e invogliare più di qualcuno a frequentare i luoghi propri di questa affascinante arte».

Il giornale Unione sarda, sull’edizione in edicola lunedì 4, pubblicherà un inserto di quattro pagine (curato da Sergio Naitza, con la collaborazione di Maria Paola Masala, Luisa Sclocchis e Fabio Marcello), che verrà replicato il giorno 8.

Fonte: musicamore blog tiscali

 

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Lo scorso anno sono stata contattata da  Memoro in qualità di ricercatrice di memoria,  per indagare fra i cittadini cagliaritani che avessero superato i 65 anni, su quali fossero le star che si amavano di più negli anni Cinquanta.

A Cagliari sono stati selezionati  diversi cittadini tra cui anche la blogger ultraottantenne Sebastiana Aru Atzori e l’attore cagliaritano Giampaolo Loddo e intervistati sia direttamente nelle loro abitazioni (v.foto), che alla Cineteca Sarda.

Si indagava sulla memoria collettiva legata all’esperienza dell’andare al cinema in Italia negli anni Cinquanta. In particolare, il progetto si è concentrato sull’importanza del cinema nella vita quotidiana attraverso 160 interviste con esponenti del pubblico, le cui risposte sono state elaborate e contestualizzate grazie a ulteriori ricerche di archivio. I partecipanti sono stati scelti fra otto province e otto città (Bari, Roma, Torino, Milano, Palermo, Napoli, CAGLIARI e Firenze). I primi risultati della ricerca saranno presentati

Venerdì 20 maggio dalle ore 17:30 alle ore 19:00 

Roberto Coroneo”, Cittadella dei musei, Piazza Arsenale, Cagliari


www.italiancinemaaudiences.org/italiano

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Tag:, ,

Comments Nessun commento »

di Mario Salis

Una calda vita a Cagliari. La recente scomparsa in età matura dell’attore Gabriele Ferzetti che ha attraversato col suo fascino discreto settanta anni di cinema, intervallati da buon teatro, ricorda un film girato in Sardegna nel 1963: “La calda vita” di Florestano Vancini.

Tratto dall’omonimo romanzo di Pierantonio Quarantotti Gambini, la pellicola nella sua sceneggiatura doveva evocare le coste istriane, terra di origine dello scrittore ma in realtà si tratta dell’inconfondibile mare di Villasimius.
Sergia è la protagonista femminile, una giovanissima Catherine Spaak insieme al marito l’attore Fabrizio Capucci e Jacques Perrin. Invece alcune sequenze non possono nascondere l’inconfondibile luce di Cagliari. Bella vista dal candido Bastione, senza graffiti.
Invece sul lato del sagrato di Bonaria fa bella mostra una sportiva Fiat 1600 S Cabriolet O.S.C.A. targata Cagliari.
In questo link tutto il film
Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Domani sera, alle 21, chi si trova a Cagliari, potrà assistere ad un curioso concerto dai balconi di uno dei quartieri più antichi della città di Cagliari: Stampace.  Il balcone è di proprietà dello stilista cagliaritano Luciano Bonino, che ha voluto metterlo  a disposizione per regalare  ai concittadini e ai suoi turisti una serata sicuramente originale.

Si potrà godere al fresco , sui gradini della basilica Sant’Anna, sita frontalmente al balcone, delle canzoni più famose di Domenico Modugno, delle belle romanze da camera e d’opera, delle canzoni di Edith Piaf e tanto altro ancora.

Gli artisti che parteciperanno sono artisti con un curriculum di tutto rispetto. Di seguito la locandina.

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Foto gentilmente concessa da Luciano Bonino

Foto a confronto di un balcone. La prima fotografia risale aalla fine degli anni ’30 nel giorno del 1 maggio in occasione della processione di Sant’Efisio. La seconda è dei giorni nostri. Il palazzo fronte a sinistra non esiste più perchè bombardato durante la seconda guerra mondiale.

Questo stesso balcone, sarà sede di un concerto di musiche varie che si terrà Domenica 26 Luglio 2015 alle ore 21. La platea sarà la scalinata della Basilica di Sant’Anna.  

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

 Cagliari dedica la Festa Europea della Musica 2015 al soprano cagliaritano

Giusy Devinu

 

domenica 21 giugno ore 10

 Il Teatro Lirico di Cagliari aderisce, per la prima volta, domenica 21 giugno 2015, alla manifestazione “Festa Europea della Musica”, promossa dal Comune di Cagliari, che, quest’anno, viene interamente dedicata alla memoria del soprano Giusy Devinu (Cagliari, 1960-2007).

La Festa Europea della Musica è una grande manifestazione gratuita e popolare che si tiene ogni 21 giugno per celebrare il solstizio d’estate: una festa aperta a tutti nata nel 1982 da un’idea del Ministero della Cultura francese che, nel 1985, è diventata europea. In Italia sono oltre 100 le città che partecipano e Cagliari aderisce, quest’anno, per la prima volta.

Il programma artistico della giornata, proposto dal Teatro Lirico di Cagliari, prevede manifestazioni e concerti in tre sedi distinte (vedi il programma nel dettaglio): si inizia alle 10 al Parco della Musica con la scopertura della targa d’intitolazione dell’Arena dedicata a Giusy Devinu, per proseguire alle 10.30 con l’esibizione del Coro polifonico Pacinotti, diretto da Franca Devinu, e della violinista Giulia Greco e terminare, quindi, la mattinata, alle 11, con l’inaugurazione della mostra “Divina Devinu”, allestita nel foyer di platea del Teatro Lirico, nella quale figurano fotografie, costumi di scena ed abiti da sera del soprano cagliaritano.

Alle 19, al Teatro Civico nel quartiere di Castello, il Coro del Teatro Lirico di Cagliari, diretto da Gaetano Mastroiaco, si esibisce, con l’accompagnamento al pianoforte di Francesca Pittau e Alessandro Dalmonte, in un concerto interamente dedicato a Johannes Brahms; alle 20.30 è il turno del Duo Perfetto, composto dal violoncellista Robert Witt e dalla pianista Clorinda Perfetto, che affronta un programma che spazia da Granados a Piazzolla, passando per Kapustin, Gershwin e Morricone; per il concerto conclusivo della Festa Europea della Musica 2015, si ritorna al Parco della Musica, dove, alle 21, l’Orchestra d’archi del Teatro Lirico di Cagliari, diretta dal violino solista Gianmaria Melis, presenta Le 8 Stagioni: un concerto particolare ed insolito per l’inedito accostamento melodico delle quattro stagioni di Antonio Vivaldi con le quattro di Astor Piazzolla.

L’ingresso a tutte le manifestazioni della Giornata Europea della Musica è libero e gratuito.

Teatro Civico di Castello

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

La Giunta Comune di Cagliari ha deliberato:  l’Arena, sita nel Parco della Musica a Cagliari, prenderà il nome della cantante lirica cagliaritana, il soprano Giusy Devinu. Altre tre donne , sempre cagliaritane, daranno il nome ad altrettante strade site in località Giorgino: Maria Piera Mossa, Joyce Lussu e Rosa Luzemburg.

L’ingresso all’Arena

L’Arena durante un concerto

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Un modo diverso per valorizzare un quartiere è sicuramente l’interessante iniziativa dei concerti dal balcone. A Cagliari, nel quartiere di Villanova in piazza San Domenico, la domenica mattina si può  prende un aperitivo a suon di musica dal vivo. Non è necessario accedere a nessun teatro ma sollevare soltanto lo sguardo verso i balconi delle palazzine circostanti. Belli e fioriti, i balconi ospitano artisti di ogni genere.

L’iniziativa, nata per volere di alcuni privati si chiama “Suono al civico

Oggi è stata la volta del gruppo Echos Vocal Ensemble , che ha  cantanto a cappella famosissimi brani  tratti dal repertorio leggero e popolare. Inutile dire che è stato l’ennesimo successo e il quartiere cagliaritano rivive finalmente anche attraverso l’arte e la musica.

Sotto un documento della mattinata

Video importato

YouTube Video

 

 

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Chissà quanti di voi, trovandosi nella zona del mercato di San Benedetto a Cagliari, si sono imbattuti in questo personaggio. Non voglio anticiparvi nulla. Un cortometraggio interessante per la regia di Enrico Pau

Video importato

YouTube Video

Video importato

YouTube Video

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Un bel gruppo di cittadini Cagliaritani sono stati selezionati dal sito Memoro Banca della Memoria per una serie di interviste sulla memoria del cinema in Italia. Il  progetto, nasce da una collaborazione del sito Memoro con la cattedra di Storia del Cinema italiano presso l’Università Brookes di Oxford e mira a conoscere più a fondo il cinema degli anni ’50 attraverso le testimonianze dirette di chi lo ha frequentato.

Il progetto è iniziato con la raccolta di oltre 1000 questionari a persone di età compresa tra i 65 e i 100 anni

I risultati ottenuti saranno divulgati attraverso: due articoli su specifici giornali accademici internazionali; una conferenza internazionale a Oxford nel giugno 2016; un apposito sito web; una giornata dedicata agli anziani e alle loro memorie da organizzarsi al Museo del Cinema di Torino nell’autunno del 2015.

Nella foto di testa la prima intervistata Sebastiana Aru Atzori col  regista  Maurizio Cartolano.

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

foto Luigi Desogus

Sarà Claudia Tronci ad interpretare il ruolo dell’unica regina sarda nata a Cagliari  Maria Cristina Efisia di Savoia, che solo pochi mesi fa è stata beatificata a Napoli da Papa Bergoglio.
La regista e sceneggiatrice Ilaria Muggianu Scano, che ha cominciato le riprese la scorsa primavera, ha composto un cast di attori sardi di grande professionalità tra cui spicca oltre alla Tronci, anche l’attore cagliaritano Gianluca Medas
Il film è girato nei luoghi reali della corte sabauda come il quartiere Castello, la Galleria Comunale d’arte di Cagliari , il Palazzo Vice Regio di Cagliari dove nacque Maria Cristina di Savoia. Ma ci saranno delle riprese anche  nel quartiere San Michele di Cagliari e nell’ Hotel Regina D’Arborea ad Oristano. Il progetto è inserito tra quelli per “Cagliari Capitale Europea della Cultura 2019”.

foto Luigi Desogus

«L’opera uscirà in autunno – commenta la regista e sceneggiatrice Ilaria Muggianu Scano – e lo scopo è  quello di evidenziare la bellezza della storia sarda e della Santa moderna che fu una statista a tutti gli effetti, figura trasversale ad ogni credo religioso. La consulenza storico scientifica è affidata al ricercatore Mario Fadda, biografo ufficiale della Santa, montaggio Ilaria Muggianu Scano, Andrea Piras, Luigi Desogus e direzione della fotografia Luigi Desogus.

Chi desidera approfondire la biografia di questa santa può farlo attraverso questo libro

Sono gli anni turbolenti dell’avventura napoleonica che rimescola le carte politiche di un intero continente. I Savoia, cacciati dal Piemonte, si rifugiano in Sardegna, nella capitale del regno ricevuto nel 1720. E qui, a Cagliari, una mattina del1812, vede la luce Maria Cristina di Savoia. Figura speciale di donna – ritenuta in odore di santità già in vita -, la sua vicenda terrena è ripercorsa con dovizia di particolari, tratti da fonti e documenti contemporanei, in un racconto storico affascinante che fa ampio riferimento al suo epistolario e alle testimonianze di chi l’ha conosciuta. Maria Cristina, divenuta poi regina delle Due Sicilie, moglie di Ferdinando II e madre di Francesco II, è considerata infatti esempio di “perfezione” nella “normalità della vita” poiché con le sue virtù, con la sua pietà e il soccorso che sempre ha devoluto verso i deboli, si è ben presto conquistata presso i suoi sudditi l’appellativo di “reginella santa”.

 

2011

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Molti cagliaritani  hanno già assistito alla memorabile Turandot di Puccini, (oltre 12.000 persone),  in corso di rappresentazione al Teatro Lirico di Cagliari. Un’opera popolarissima e amata  anche da chi non è un amante accanito della lirica. Molti si sono avvicinati a quest’opera soprattutto grazie anche alla popolarità della romanza “Nessun dorma“, nota anche come “Vincerò”.

Questa edizione ha la particolarità che la scenografia è stata realizzata da Pinuccio Sciola, fra i più popolari artisti sardi nel mondo.

Da mercoledì 23 luglio tutte le recite di Turandot saranno fuori abbonamento, per cui i posti ancora disponibili sono tantissimi e anche superscontati.

Per l’occasione il Teatro Lirico ha stretto alcune collaborazioni con gli alberghi dell’interland cagliaritano per portare i turisti a Cagliari per questo evento spettacolare, e con l’ARST che ha messo a disposizione i propri mezzi .  Quindi sia dalla zona di Villasimius che di Pula si potrà usufruire del bus . Andata e ritorno. Ci sarà anche la possibilità di prenotare una cena.

Di seguito tutti gli orari.

 

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Due foto che mettono a confronto la piazza Italia sita a Pirri (CA). La prima risale agli anni 60 e la seconda ai giorni nostri


Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »