Archivio della categoria “Società”

 

Sviluppare il senso di appartenenza e la cittadinanza attiva e responsabile, creare sinergie tra tutti coloro che operano nei vari quartieri della città, sviluppare le corrette politiche di educazione dei giovani e sviluppare le buone prassi. Questi sono i principali obiettivi di “Dentro il quartiere, il gioco delle relazioni”, iniziativa organizzata dalla Fondazione Carlo Enrico Giulinialla quale il Comune di Cagliari ha dato il proprio patrocinio.La Coppa Quartieri   vedrà i cinque quartieri di Cagliari sfidarsi nei tornei di calcetto e di pallavolo oltre che in una gara di atletica. Dopo la fase eliminatoria che si è svolta tra Sant’Elia/San Bartolomeo, Is Mirrionis/San Michele, Mulinu Becciu, Marina/Stampace e Barracca Manna/Santa Teresa domani 2 giugno  si ritroveranno  allo stadio Sant’Elia per la finale.

All’evento sportivo sono stati ammessi ragazzi e   ragazze dagli undici ai sedici anni . La  società Cagliari Calcio non ha fatto mancare il suo appoggio così come hanno fatto la Diocesi di Cagliari, e la comunità Casa Emmaus delle Missionarie Somasche di Elmas.
“Lo sport – ha commentato l’Assessore Secchi – ha il potere di suscitare emozioni e in questo mi piace evidenziare il pensiero di Nelson Mandela. Lo sport sa ricongiungere persone come poche altre cose e ha il potere di risvegliare la speranza dove prima c’era solo la disperazione. Ma rappresenta anche un modo importante per migliorare la salute dei cittadini ed ha una grande dimensione educativa. In più svolge un ruolo sociale, culturale e ricreativo che non possiamo certo trascurare”.
La giornata di domani  sarà animata dai ragazzi dell’accademia di canto Vi.U. Music Academy che canteranno diversi brani fra una partita e l’altra. Verrà eseguito anche il brano “Ripartiremo” con gli “Artisti sardi per Amatrice” che  Mattia Sanna, allievo della stessa accademia, ha composto per raccogliere fondi per le popolazioni terremotate del centro Italia.

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

 

Piazza Gramsci: interessante il confronto tra la piazza del 1940 vista con gli occhi del fotografo Alfonso Efisio Thermes e quella di oggi completamente rinnovata

 

Sotto, la piazza prima del restauro

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Sosteniamo la cultura dei giovani e le loro aspirazioni!

Mi presento: sono Elena Diana , di Cagliari, e frequento il terzo anno del liceo scientifico internazionale.

Sono convinta che la qualità nell’educazione sia una forza per unire i popoli, le nazioni e le culture per una pace duratura ed un futuro sostenibile.

Per questo vi chiedo un contributo poiché credo che alla base della crescita e dello sviluppo di ogni società ci sia l’educazione. Per questo per cambiare il mondo efficacemente ho bisogno di un’educazione d’eccellenza, come quella offerta dai Collegi del Mondo Unito (UWC). Passate le numerose selezioni sono stata ritenuta idonea e mi hanno offerto un posto nel collegio UWC di Changshu (Cina). Ecco perchè il tuo contributo mi aiuta a cambiare il mondo: è fondamentale per aiutarmi a coprire i costi necessari per l’iscrizione.

Ti ringrazio sinceramente per quello che potrai donarmi. Ma se non potrai donarmi in denaro, il tuo contribuire diffondendo quest’iniziativa il più possibile sarà comunque molto importante. Grazie di cuore!

Si può dare il proprio contributo cliccando su questo link https://www.produzionidalbasso.com/projects/14988/support

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Una delegazione dell’Universitá di Cagliari sarà a Palermo oggi e domani per partecipare, insieme ad altri 70.000 studenti provenienti da tutta Italia, alle Giornate dedicate al XXV Anniversario delle Stragi di Capaci e di Via D’Amelio.

L’Ateneo cagliaritano ha, infatti, aderito alla prima Call “Università per la legalità“, nata a seguito della sottoscrizione a Palermo, il 23 maggio 2016, del protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e, per il suo tramite del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari (CNSU), la Conferenza dei Rettori delle Università italiane (CRUI) e la Fondazione “Giovanni e Francesca Falcone”. Nello specifico, gli studenti sono stati invitati a sviluppare un progetto avente ad oggetto l’approfondimento di “temi connessi ai valori della Costituzione italiana, con particolare riferimento alla cultura della memoria, dell’impegno e della legalitá attraverso la realizzazione di percorsi di sensibilizzazione e formazione in ambito accademico connotati da un consistente legame col territorio o gli ambiti di appartenenza, nello spirito dei principi della terza missione dell’università”. Da qui l’idea degli studenti del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Universitá di Cagliari dei corsi di diritto processuale penale del prof. Leonardo Filippi e di diritto penitenziario della prof.ssa Maria Francesca Cortesi di incentrare il proprio progetto sul tema dell’Anonima Sarda soffermandosi sugli aspetti storici, criminologici e giuridici attraverso uno studio del lavoro delle Commissioni Parlamentari d’inchiesta, dell’evoluzione normativa e delle sentenze emesse dal Tribunale di Cagliari a riguardo. Nello specifico, il progetto si é concretato in tre convegni (uno presso il Dipartimento di Giurisprudenza, uno presso il Tribunale di Cagliari e uno presso il Liceo E. Arborea di Cagliari) in cui è stato trattato il tema dell’Anonima Sarda ed il maxiprocesso celebratosi a Cagliari nel 1982, effettuando un raffronto con il fenomeno mafioso.

Gli studenti che si recheranno nel capoluogo siciliano (Angius Martina, Balconi Federica, Brau Erica, Dessí Eleonora, Oppo Giorgia, Pilia Gemma, Schirra Daniela, Tangianu Michela) accompagnati da un cultore di materia in diritto processuale penale (dott.ssa Raffaella Atzori) parteciperanno, inoltre, alla diretta Rai da via d’Amelio “FALCONEeBORSELLINO” in onda su Rai UNO

 domani martedì 23 maggio dalle 20.30.

Nel 25° anno dalla strage, la “Quarto Savona Quindici”, questo il nome della macchina, torna a casa, nel giardino della memoria costruito poco lontano da Capaci.
Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Schillelè  è un’ espressione dello slang cagliaritano accompagnata quasi sempre  dall’esclamazione: “Oooh, ooh schillelè”. I ragazzini la usano soprattutto quando devono dimostrare la loro forza verso un  compagno più piccolo oppure  una persona che  vuole prevalere  senza averne i mezzi.

Schillelè è anche il titolo del primo libro, autobiografico, dell’attore Gianluca Medas, in cui   descrive la vita di un adolescente  attraverso una serie di brevi racconti. Medas ci narra uno spaccato di storia cagliaritana che abbraccia un periodo tra la fine degli anni  ’60 e gli anni ’80.

I racconti sono momenti di vita semplice, quelli di un ragazzo di periferia vissuti tra scuola, parrocchia e piazzetta. Tanti gli argomenti toccati che hanno caratterizzato  la sua vita in quegli anni: le bande e il bullismo, i primi amori, il primo bacio, i momenti goliardici, lo sviluppo delle droghe e la conseguente epidemia di AIDS, il senso dell’amicizia ( quella vera e quella falsa), i sogni e la passione sempre crescente per la musica e  il teatro, quel teatro che lo ha visto giovanissimo sul palcoscenico con suo padre e i suoi zii   della mitica ed eclettica famiglia Medas.

I racconti sono narrati con una semplicità diretta come solo Gianluca Medas sa fare. Chi, come me, ha vissuto l’adolescenza in quegli anni ci si ritrova in pieno, compresa l’esperienza dell’epidemia “epatite virale” scoppiata a Cagliari in quegli anni.

Eravamo in tanti ad essere ricoverati nella clinica pediatrica   “Macciotta“. La cosa che più mi ha divertito è stato leggere la narrazione  delle giornate del ricovero che passavano dalla drammaticità della malattia (punture dolorosissime e schifose medicine)   a  momenti di puro divertimento  nello trasgredire le regole del posto. Inquietante la descrizione particolareggiata della terribile infermiera che pur di sfogare la sua frustrazione personale se la prende  con i bambini malati, punendoli in ogni modo e spesso anche senza motivo.  E’ un’ esperienza che ho vissuto anche io e che ho ritrovato in questo libro quasi come un copia incolla della mia memoria.

Tra gli episodi c’è anche quello del momento  drammatico della perdita  della madre, insegnante elementare, con conseguente divisione della famiglia e le difficoltà economiche; gli studi tra scuola pubblica e privata e quelli al Conservatorio di Musica legati poi alle esperienze teatrali divertenti come comparse nelle Opere liriche.

La passione per il teatro la si ritrova in particolar modo anche nella descrizione dei sacrifici affrontati per poter essere sempre in prima fila agli spettacoli della Stagione lirica:  notti intere in fila davanti alla  biglietteria per essere tra i primi all’apertura del botteghino. Sembra roba da medioevo soprattutto oggi, nell’epoca di internet.  C’ero anche io, e sono contenta che Gianluca  lo abbia ricordato. La nuova generazione deve capire quanto fosse forte per noi la passione per quel mondo diventato poi la nostra principale professione.

I libro di Gianluca Medas , edito dalla CUECè in vendita nelle migliori librerie.

FONTE: musicamore.blog.tiscali.it

Gianluca Medas in una foto di M. Carboni

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Video importato

YouTube Video

Summertime voce Alessandra Atzori

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

 

Il Palazzo del Comando Militare in Via Torino nel 1929, con i soldati di guardia al portone d’ingresso

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

In occasione della tappa ciclistica cagliaritana del Giro d’Italia, i cronisti sportivi di RAI DUE nel ricordare i 100 anni del giro, porgono in diretta gli auguri al campione di equitazione cagliaritano  Paolo Racugno che oggi compie cento anni.

In questo ultimo mio video di una lunga intervista, Paolo Racugno completa il suo racconto sull’ascesa della dinastia Capra con la Vinalcool di cui lui stesso è stato amministratore.

Nell’ultima parte dell’intervista il suo viso si illumina quando parla dei suoi due nipoti Francesco e Paolo : il primo, campione di equitazione e di lotta greco romana, e il secondo oggi medico cardiologo.

Potrete visualizzare tutti i video anche su Memoro – La banca della memoria

 

Video importato

YouTube Video

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Paolo Racugno invita Gigi Riva a visitare lo stabilimento dell’Ichnusa

Giovanni Battista Capra capostipite

Ecco un nuovo capitolo della mia lunga intervista al centenario Paolo Racugno, campione di equitazione ma anche dirigente d’Azienda.  In questo capitolo si tratta proprio del secondo aspetto della sua vita. Lui infatti, dopo essere stato dirigente del CONI  è entrato a far parte dell’azienda  VINALCOOL società che ha acquistato e diffuso la birra Ichnusa. Racugno racconta tutta la storia,vissuta in parte in prima persona essendosi sposato con una discendente della dinastia Capra, famiglia di imprenditori tra i più importanti in Sardegna. Grazie a loro i prodotti sardi sono stati esportati non solo nella penisola italiana ma anche all’estero. La capacità imprenditoriale del capostipite Giovanni Battista Capra (mio Trisavolo) e stata determinante. Fra i tanti figli  , uno in particolare  Amsicora Capra, è riuscito a far crescere l’azienda di famiglia legata ai vini e liquori . Grazie a lui si devono i primi trasportio in Sardegna. Per poter importare le sue merci e quelle degli imprenditori legati alla sua società, divenne un armatore. Per le sue navi vennero create delle linee di navigazione che trasportavano anche civili. Fu inoltre il primo a creare un collegamento tra la città di Cagliari e il Poetto realizzando la linea tranviaria.  Ho sempre sentito raccontare questa storia nella mia famiglia, in particolare da mia nonna discendente della famiglia Capra, ma forse ero troppo piccola per capire la grande importanza che questi miei avi hanno avuto nella storia commerciale della  mia isola.

Ascoltando la storia raccontata da Paolo Racugno, mi sono venute alla mente le telenovelas sudamericane degli anni 80, quelle storie che ci hanno fatto conoscere  lo sviluppo economico di quei paesi attraverso le storie familiari.  Chissà se c’è  fra i lettori qualche produttore o regista disposto a rischiare per una fiction da poter così far conoscere in maniera più capillare la storia di questa famiglia così imprtante per lo sviluppo dell’economia sarda. Oltre ad Ansicora anche gli altri fratelli (tra i quali mio bisnonno)  erano parte dell’azienda, anche se in diversi settori come il grano e la sua trasformazione in pasta.

Potrete trovare tutte le mie videointerviste a Paolo Racugno ma anche a tanti altri cagliaritani, oltre che in questo mio blog  anche nel sito MEMORO – Banca della memoria.

L’imprenditore Alessandro Zecchino ha creato un museo itinerante sulla storia del birrificio Ichnusa, comprando e allestendo un bus  con centinaia di bottiglie e lattine ritrovate o acquistate  in giro per la Sardegna.

Video importato

YouTube Video

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il negozio che più di ogni altro ha fatto felici le mie bambine durante tutta la loro infanzia. Un altro pezzo del commercio cagliaritano costretto a chiudere i battenti

“Dopo 28 anni di attività, chiude la Città del Sole di Cagliari.
Siamo stati un punto di riferimento a Cagliari per tanti bambini, tante famiglie, tanti appassionati dei giochi di qualità. Tantissimi che venendo a trovarci hanno pensato che giocare fosse “una cosa seria”, un momento fondamentale nella crescita di un bambino e nella vita di un adulto. E che anche la scelta di un gioco si dovesse fare con l’aiuto di professionisti, di persone che hanno dedicato la vita all’approfondimento e allo studio di oggetti di grande valore educativo e formativo. Abbiamo fatto giocare due generazioni.
Ai tantissimi che acquistando alla Città del Sole in questi 28 anni hanno creduto in questi valori e nella competenza di chi li trasmetteva, dedico queste parole come un immenso ringraziamento. Il rapporto che lega un cliente ad un marchio è anche fatto di emozioni, di esperienze coinvolgenti legate a momenti importanti della vita. Quando finisce, è un dovere per chi l’ha vissuto salutare e dire grazie. E magari anche “scusateci”, se qualche volta non siamo stati all’altezza.
Non solo. Sento anche il dovere di raccontare perché e come siamo arrivati a questo epilogo triste. Senza segreti, senza nascondersi o vergognarsi. Un dovere verso chi per tanto tempo ha amato la Città del Sole ed è bello che sappia anche come un’avventura finisce. Un marchio ha anche il dovere di spiegare, ringraziare e salutare quando le cose non vanno più bene: è una parte importante nella moralità del commercio, come di tutte le cose.
Lo facciamo noi – Roberta Parisi, Sarah Paolucci e Simonetta Lai – dipendenti del negozio di Cagliari, perché sembra che la casa madre, il Gruppo Città del Sole nazionale, incredibilmente non senta questa esigenza e non voglia manifestare questo rispetto per i suoi clienti affezionati da tanti anni. Rispetto che a noi sembra irrinunciabile.
Attendevamo ieri la visita di un responsabile della catena per discutere dell’andamento del negozio, della crisi delle vendite perdurante, dei modi per affrontare il momento difficile. Tutte cose diventate purtroppo familiari a chi vive nel mondo del commercio, soprattutto in una città come Cagliari: non molto popolosa, non certo ricca, incastonata in un territorio che sembra in decadenza costante e inarrestabile.
Riceviamo invece la visita dell’intero board di comando dell’azienda, che dopo averci consegnato le lettere di rito ha semplicemente abbassato le serrande nel bel mezzo della giornata lavorativa, con clienti che avrebbero voluto entrare e poi cercavano di capire da dietro le serrande cosa mai fosse successo.
“Questa situazione è ormai divenuta non più sostenibile e ci vediamo pertanto costretti ad adottare la soluzione più drastica consistente nella chiusura del negozio. Nel ringraziarLa per la collaborazione da Lei prestata all’azienda in questi anni, Le rinnoviamo i migliori saluti.”
Fine. Pochi minuti per raccattare gli effetti personali lasciati in negozio (qualcosa dimenticata per la fretta e l’emozione), incredulità, lacrime, sconcerto.
Bastano queste poche righe di una lettera a rendere onore e giustizia ad un rapporto trentennale di collaborazione, di condivisione di valori, obiettivi e pratica quotidiana? Basta un semplice foglio volante affisso alla serranda con la scritta “chiuso per inventario straordinario” come spiegazione e saluto ai tanti clienti altrettanto trentennali della Città del Sole di Cagliari?
È in armonia questo colpo di mano della durata complessiva di pochi minuti con l’immagine che la Città del Sole ha sempre voluto dare di sé e della sua strategia aziendale? Equa e solidale nella scelta dei produttori, ecologica, eco-compatibile… e poi capace di chiudere un negozio storico senza mostrare la minima comprensione e interesse per il significato di questo gesto per la vita dei suoi dipendenti? Senza credere di dover provare tutte le strade prima di arrivare all’ultimo bivio? Senza sentirsi in dovere di preparare per tempo i propri dipendenti alla peggiore delle eventualità, perché anche loro possano avere il tempo di pensare a come riprogettarsi, a come affrontare un futuro incerto e minaccioso?
Ognuno dia la sua risposta. Ognuno che conosce la Città del Sole e la sua storia da quando è nata nel lontano 1972 per mano di Carlo Basso, dica la sua. Dica se questa procedura è coerente con la costruzione di una “brand reputation” moderna e consapevole – che non si costruisce con il mero rispetto delle procedure di legge.
Se invece che per un piccolo negozio del Centro di Cagliari, la stessa cosa, negli stessi identici modi, fosse successa per una fabbrica o una grande azienda con centinaia di dipendenti, tutto il Paese griderebbe allo scandalo ed esprimerebbe sdegno. Non si chiude un’azienda letteralmente in un’ora, senza che i dipendenti vengano informati con largo anticipo sulla possibilità che lo stato di crisi dell’azienda possa portare alla più drastica delle decisioni. Senza aver sperimentato prima altre soluzioni, anche insieme ai dipendenti consapevoli della situazione, consapevoli che certo la chiusura rientra fra le eventualità del commercio e della vita, ma che c’è un managament all’altezza che vuole provarle tutte prima di abbassare la serranda per sempre.
Questo è successo. Ancora adesso, il giorno dopo,tutto ha le sembianze di un film.
Ancora grazie a tutti voi. Sentiremo la vostra mancanza.
Roberta Parisi Sarah Paolucci Simonetta Lai

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Nella quinta parte della lunga intervista che ho realizzato col campione di equitazione Paolo Racugno, il centenario racconta di quando e come ha conosciuto sua moglie Margherita Grimaldi. Un dolcissimo ricordo, a tratti commovente e ricco di particolari . Complice è stata la spiaggia del Lido di Cagliari.

Margherita Grimaldi, mancata qualche anno fa, ultranovantenne, è stata vicino al campione fino alla fine .

Tutti i video cliccando  su MEMORO

Video importato

YouTube Video

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Nella quarta parte della lunga intervista al centenerario Paolo Racugno, pluricampione di equitazione,    il simpatico racconto della sera in cui è stato invitato con tutta la squadra alla corte della regina Elisabetta, di sua madre, e della sorella Margaret. Ci racconta inoltre come è arrivavo alle olimpidi e delle tante vittorie nelle capitali europee.

MEMORO

La banca della memoria

Video importato

YouTube Video

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

MEMORO – La banca della memoria

Nella terza parte dell’intervista, (Guarda qui la Prima e la Seconda) il centenario Paolo Racugno ci racconta di quando si improvvisò professore d’ Italiano per americani e tedeschi a Cagliari; sigari e sigarette in cambio di un po’ di pane bianco.

Quando cadde il governo, lui rimase l’unico impiegato del ministero con tutti i poteri, ne approffittò per promuovere i dipendenti civili e dare loro i privilegi che fino a quel momento erano solo dei militari.

Ascoltiamo insieme il  suo racconto .

Video importato

YouTube Video

 

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

 

In questa seconda parte dell’intervista (guarda la prima), Paolo Racugno racconta di come si sia trovato in mezzo alle bombe che  sono piovute copiose sulla città di Cagliari. Ricorda i momenti drammatici della distruzione della sua casa; il salvataggio di due ragazzine di cui non ha mai saputo più niente; il tentativo di salvare un amico colpito da una scheggia a un passo da lui.

Momenti terribili che non si dimenticano. Oggi, nonostante i suoi cento anni, li ha ancora vivi nella sua mente.

MEMORO – La Banca della memoria

Video importato

YouTube Video

 

Tag:, , , , ,

Comments 1 Commento »

Paolo Racugno e Titti Manca

 

Ho incontrato Paolo Racugno nella sua bella casa che si affaccia sul porto di Cagliari, nel cuore della città. Mi accoglie sorridente, elegantissimo, e soprattutto lucidissimo. Avrei anche potuto tralasciare questo particolare se non fosse che sto parlando di una persona di 100 anni. Gli occhi vivaci mettono in evidenza un’intelligenza fuori dal comune. Da tanto tempo avevo il desiderio di intervistarlo, di sentire dalla sua voce il racconto della sua vita avventurosa. Lui ha sempre avuto una grande passione per i cavalli. Fin da bambino il suo sogno era poterli cavalcare e questo sogno si è avverato presto. La disciplina dell’equitazione (ma anche il Pentatlon), lo ha portato in giro per il mondo. Tante vittorie, tante coppe, tanti premi. Dalla partecipazione alle Olimpiadi alla vittoria di Londra. Simpatico il racconto particolareggiato della cena  a Buckingham Palace alla corte della regina Elisabetta, di sua sorella Margaret e della regina Madre. Ma i  racconti di Paolo Racugno non si fermano solo all’equitazione. Il ricordo dei bombardamenti che hanno devastato la città di Cagliari è ancora una ferita aperta. E ancora,  il racconto della nascita e lo sviluppo del birrificio Ichnusa, legato all’azienda Vinalcool di cui era dirigente con i componenti della famiglia Capra.

Insomma, sentirete tutto dalla sua voce squillante. Di seguito posto il primo dei video-documenti che ho realizzato, ma tengo in modo particolare a farvi leggere la motivazione dell’ultimo dei tanti premi ricevuti , quello prestigioso AONI (Accademia Olimpica Nazionale Italiana).

MEMORO – La banca della memoria

Video importato

YouTube Video

 

Tag:, , , , , , , , ,

Comments 2 Commenti »

Una delle trasmissioni più longeve della RAI, “Sereno Variabile”, condotta da Alberto Bevilacqua“, sbarca a Cagliari. Il giornalista si sofferma nelle zone caratteristiche del nostro capoluogo presentando le  bellezze della nostra città: Dalla bellissima spiaggia del Poetto, al mercato ittico più vario del mediterraneo: “San Benedetto”; le passeggiate e il centro storico; la città sotterranea con Marcello Polastri, le tradizioni e la bellezza tutta nostra dei fenicotteri e dei suoi parchi nel centro della città. Per chi non avesse visto la puntata ecco il link per rivederla SERENO VARIABILE

 

 Per chi volesse alloggiare a Cagliari ecco alcuni link di BeB nel centro città

ATTICO BIANCO

AFFITTACAMERE  CASTELLO

Vicino alla spiaggia del Poetto

LE DIMORE DEL SOLE

A un passo dalla bellissima spiaggia di Chia

CASAVASCO

 

 

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

1970 – 2017

Tag:, , , ,

Comments 2 Commenti »

 

 

 

sotto una foto della via Pessina nei primi anni ’60

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Oggi in Consiglio Comunale approvato all’unanimità l’ordine del giorno che impegna il Sindaco e la Giunta a rappresentare al Presidente e tutto il Consiglio regionale, l’urgenza e importanza di approvare la legge regionale per prevenire la dipendenza e le problematiche e contrastare il gioco d’azzardo, anche lecito .. e dare più potere ai Comuni per regolamentare e utilizzare efficaci strumenti di contrasto alla diffusione dell’azzardo, a difesa della salute e vita dei cittadini, soprattutto dei più vulnerabili.

E’solo un primo passo: fatto. Presto altre novità in Consiglio. Su questo tema e problema dobbiamo fare di più, è vero, noi tutti insieme, i numeri dell’azzardo 2016 sono impressionanti, non si vince … perché si perde sempre se si pensa che con la ‘fortuna e il gioco d’azzardo’ si risolvono le cose e i problemi…

Rita Polo (consigliere)

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Foto E. Thermes

 

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »