Archivio della categoria “Flora e fauna”

 

Piazza Gramsci: interessante il confronto tra la piazza del 1940 vista con gli occhi del fotografo Alfonso Efisio Thermes e quella di oggi completamente rinnovata

 

Sotto, la piazza prima del restauro

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Una delle trasmissioni più longeve della RAI, “Sereno Variabile”, condotta da Alberto Bevilacqua“, sbarca a Cagliari. Il giornalista si sofferma nelle zone caratteristiche del nostro capoluogo presentando le  bellezze della nostra città: Dalla bellissima spiaggia del Poetto, al mercato ittico più vario del mediterraneo: “San Benedetto”; le passeggiate e il centro storico; la città sotterranea con Marcello Polastri, le tradizioni e la bellezza tutta nostra dei fenicotteri e dei suoi parchi nel centro della città. Per chi non avesse visto la puntata ecco il link per rivederla SERENO VARIABILE

 

 Per chi volesse alloggiare a Cagliari ecco alcuni link di BeB nel centro città

ATTICO BIANCO

AFFITTACAMERE  CASTELLO

Vicino alla spiaggia del Poetto

LE DIMORE DEL SOLE

A un passo dalla bellissima spiaggia di Chia

CASAVASCO

 

 

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

1970 – 2017

Tag:, , , ,

Comments 2 Commenti »

Da anni , l’area antistante la questura, dietro il Palazzo di giustizia, è un immondezzaio vero ricettacolo di blatte e topi. E’ transennato, e c’è anche un cartello di lavori in corso, ma di sistemazione neppure l’ombra

 

Comments Nessun commento »

Ritornare al mio Poetto, anche solo per poche ore ogni estate, è una sensazione bellissima. Io sono nata e cresciuta qui, in questa spiaggia,  dove dai primi di giugno alla fine di settembre ci si vestiva solo col costume da bagno e la nostra “villetta estiva” si chiamava Casotto e distava dalla riva poco meno di 100 m. Solo noi cagliaritani comprendiamo il significato del “suono”  delle ondine, del profumo di salsedine, dei piedi a mollo sulla battigia dove le  mormorette , ancora oggi, ti solleticano la punta delle dita!

Nonostante siano passati diversi decenni da allora, le cose non sono cambiate molto.

Per me il Poetto d’estate è una sorta di palcoscenico a cielo aperto, sarà una deformazione professionale, ma vi giuro che se oggi avessi potuto farne un film avrei dato del filo da torcere  ai fratelli Vanzina.

Allora, come oggi, andare al Poetto di domenica è sempre un’impresa soprattutto per chi non si appoggia, per vari motivi (soprattutto economici) agli stabilimenti o alle cooperative.

Il primo ostacolo è il parcheggio. Alle 9,30 ci siamo ritenuti fortunati ad aver trovato un aborto di parcheggio sul ciglio dello stradone. Chi è arrivato mezz’ora dopo credo abbia deciso di rinunciare alla mattinata e probabilmente si è messo in attesa per  il secondo turno e cioè quando i  mattinieri decidono di rientrare.

La spiaggia,  già superaffollata, ci ha creato  difficoltà a trovare uno spazio dove  piazzare l’ombrellone. Una volta sistemati  e seduti nelle nostre poltroncine ci siamo sentiti come a teatro. Ogni cosa che ci girava intorno era parte di una grande commedia già vista.

Alla mia sinistra due persone mi osservavano con insistenza quasi imbarazzante, poi ho capito il motivo. Una di loro si è avvicinata chiedendomi gentilmente di  custodire le loro borse durante il bagno. Mi ha lusingato  sapere che ho una faccia che ispira fiducia. Erano persone mai viste prima che mi affidavano i loro oggetti personali, e di questi tempi…

La tecnologia ha preso il posto dei giornali. Un tempo, sotto l’ombrellone si sfogliava “l’Ugnone” che, aperto, faceva ombra ai piccolini che giocavano con paletta e secchiello. Oggi c’è l‘Ipad e gli smartphone che non fanno ombra ma in compenso sono un continuo spunto di crastulo. Tre ragazzini , con un tablet, hanno sbirciato a lungo su Facebook tutte le foto personali di alcune loro compagne di scuola con annessi commenti di ogni genere.

Davanti a me, un bel gruppetto di amici di mezza età, probabilmente arrivati in spiaggia dalle prime ore del mattino forse da qualche paesino, hanno giocato  a lungo al “Gioco dell’oca“. Ogni tanto davano uno sguardo alle loro borse frigo e commentavano. Non vedevano l’ora di aprirle e tirare fuori tutte le vettovaglie. Ma l’ora del pranzo era ancora lontana.

Poi ho deciso anche io di prendere  un po’ di sole avviandomi verso la battigia. Devo dire che da questa visuale è stato come se fosse iniziato il secondo atto della commedia.

Prima di tutto la passerella, perchè di questo trattasi. Ragazzi e ragazze a petto in fuori , con tatuaggi in ognidove, facevano vasche avanti indietro per mostrare i risultati del lavoro invernale in palestra.  In questo via vai  c’era l’ex playboy infiltrato che ha dimenticato gli anni a casa.  Per qualche minuto ha tentato di mostrare i pettorali mandando dentro gli addominali con un risultato alquanto patetico soprattutto nel tentativo di  ”abborsare” la 20enne di passaggio. La frase “ehi nonno dove hai lasciato il bastone!” ha fatto sorridere diverse persone intorno.

C’era il capannello di signore di mezza età che parlando di cucina, alternavano la descrizione particolareggiata di  ricette super caloriche a frasi del tipo “Ceeee, bisogna che prima o poi mi metta a dieta“. Di rimando i loro mariti, poco più in là, si confrontavano sulle squadre di calcio e i giocatori più quotati. Inevitabile la frase: “ma Giggiriva era tutta un’altra cosa!” Poi tentavano una finta allerta ad ogni passaggio di venditore africano con frasi del tipo “non sono razzista ma…”

Per un attimo i miei pensieri sono volati indietro nel tempo. Ho rivisto la mia infanzia lì, con i miei genitori e i loro amici che chiacchieravano  di cucina e calcio. In mano non avevano lo smartphone ma una lenza  e, in attesa che il “mummungione” abboccasse, ognuno chiacchierava con l’amico a fianco. Tutti in fila lungo la battigia mentre noi bambini cercavamo nella sabbia umida le telline e i vermetti per le loro esche.

Un gridolino mi risveglia da quei ricordi. E’ un bambino di pochi anni che con gioia ammira l’aquilone che suo padre era riuscito a far volare. Un aquilone di carta che, nonostante la tecnologia, ancora stupisce  e fa gridare di gioia un’innocente.

Video importato

YouTube Video

 

 

 

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments 7 Commenti »

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

foto tratta da FB Cagliari Castedd’e susu e is Piccioccus de crobi

Tag:, ,

Comments Nessun commento »

Sono numerose le modalità per visitare il Parco Molentargius Saline: percorsi liberi(naturalistici, ciclabili e pedonabili) e per il birdwatching.

I percorsi liberi si snodano all’interno delle aree verdi del Parco sia in territorio di Cagliari che di Quartu Sant’Elena attraverso spazi aperti ed in vicinanza di stagni, laghetti e delle Saline, dove non è difficile con l’ausilio di binocoli o cannocchiale avvistare uccelli o ammirare la vegetazione tipica delle aree umide.
Il visitatore può passeggiare nei percorsi naturalistici liberi oppure andare a piedi o in bici nei percorsi ciclo-pedonali.
È inoltre previsto un percorso per passeggiate a cavallo Percorso Equitazione che può iniziare dai maneggi presenti sia lato Quartu Sant’Elena che Cagliari e che attraversa anch’esso l’Area Sport. Le passeggiate a cavallo sono organizzate e gestite da operatori operanti nel territorio.

percorsi liberipedonali e ciclabili, sono aperti a tutti: turisti, cittadini, adulti e bambini.

Al fine di facilitare l’uso della bicicletta, per chi è sprovvisto del mezzo proprio, presso l’Edificio Sali Scelti è attivo un servizio di noleggio biciclette:

MATTINA
tutti i giorni (da LUNEDI’ a DOMENICA) dalle ore 9:00 alle ore 13:00

POMERIGGIO
ore 15:00 alle ore 19:00

Sotto un album di Augusto Soro realizzato durante una escursione di qualche anno fa.

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Ecco alcune foto di Cagliari scattate questo pomeriggio intorno alle 17 da Raffaella Atzori ed Enrico Sari durante una escursione sulla Sella del diavolo

 

Tag:, , ,

Comments 2 Commenti »

Il viale Buoncammino prima e dopo, soprattutto adesso che è stato completamente rinnovato

Tag:, ,

Comments Nessun commento »

Sabato, 14 novembre, alle h. 17,30, presso la Fondazione di ricerca “Giuseppe Siotto”, via Dei Genovesi 114, la prof.ssa Anna Palmieri Lallai, presenta la sua guida, illustrata a colori, del Cimitero Monumentale di Bonaria.

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Ogni anno Sant’Efis sceglie i migliori cavalli della Sardegna in sella a cavalieri ed amazzoni di provata fede.

di Mario Salis

Foto di Pierpaolo Dore

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Questa mattina, percorrendo a ritroso il Viale Fra ignazio, mi sono imbattuta in questo scempio. Ma è mai possibile che in una società civile ci siano ancora dei barbari capaci di fare queste cose? Ho domandato ad una passante se tutto ciò era abituale. Mi ha detto che la mattina era tutto pulito e in ordine , ma che questo è lo spettacolo che si presenta quasi sitematicamente nel fine settimana questo. Non ho parole.  E qui il tifo e le squadre rivali non mi pare c’entrino nulla!

Comments Nessun commento »

Degli amici stranieri giunti a Cagliari in occasione della Festa di Sant’Efisio, mi hanno domandato di poter conoscere questo Poetto di cui tanto si parla. Non mi avvicinavo alla spiaggia da quest’inverno. Sapevo che c’erano lavori in corso ma non li avevo ancora visti. Sono rimasta senza parole!

Siamo ad un passo dall’apertura della Stagione estiva e questo è ciò che ho trovato (v. video sottostante)

Quando suol dirsi che “Siamo ancora in Alto Mare!

Video importato

YouTube Video

 

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Lo stupore nel guardare queste splendide immagini è davvero immenso. Il fotografo  Gigi Demontis ritrae alcuni esemplari della stupenda fauna cagliaritana in un modo che solo gli artisti riescono a fare.  La perfezione delle immagini, il suo punto di vista, la giusta angolazione, le luci, i momenti strategici, fanno di questo cagliaritano un grande artista. Guardare per credere

Tutti i diritti riservati © Copyright 2015 Gigi Demontis Photographer

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

E’ proprio dietro casa l’orto urbano gestito dall’associazione ONLUS “AgriCulture“ sul colle di Monte Urpinu.

Domenica mattina finalmente, dopo tante occasioni mancate, sono riuscita a vederlo da vicino. In una splendida giornata di sole,  tante persone curiose e interessate hanno visitato la zona accedendo dall’ingresso da Via Raffa Garzia, per vedere i risultati di chi si sta impegnando, con tutte le forze, alla bonifica e alla coltivazione di frutta e ortaggi in questo polmone urbano.

Ogni socio ha un fazzoletto di terra che cura con passione  cercando di rispettare la natura . Le tecniche ovviamente non prevedono l’uso di diserbanti perchè lo scopo principale è quello di poter fare coltivazione biologica. Camminando tra le piccole aree si trovava la piantina di peperoni o il cespo di cavolo cappuccio, ma anche uno Spaventapassero per tenere lontani gli uccelli che pullulano il Colle e che sono  abbastanza famelici. Ho notato poi delle bottiglie di plastica conficcate nella terra. Mi è stato spiegato che servono a tenere a bada le lumache che purtroppo banchetterebbero con la verdura appena cresciuta.  In questo orto, ahimè, non c’è l’acqua ed ognuno si arrangia come può. Si spera che presto si possa avere l’autorizzazione per installare un pozzo. Certo è che le ultime piogge hanno dato comunque una bella mano.

Ci siamo inoltrati poi anche nelle zone più alte dove ci sono delle  grotte,  una in particolare viene utilizzata dall’Associazione per le riunioni periodiche, non avendo altra sede. Si trovano anche delle costruzioni abbandonate e delle vaste aree di proprietà militari che sarebbe bellissimo poter utilizzare come spazi culturali estivi.

Da qui si gode uno stupendo panorama su tutta la città di Cagliari, a 360 gradi.

Tutti possono entrare a far parte dell’associazione AgriCulture pagando naturalmente una piccola quota associativa annuale.  L’unico “paletto” richiesto è  l’obbligo di curare il proprio orto e partecipare ai lavori comuni di bonifica e/o miglioramento/manutenzione degli spazi comuni almeno 1 volta al mese. Normalmente le riunioni per lavori comuni sono il venerdì e per chi non è disponibile, il sabato o la domenica, con orari concordati e comunicati volta per  volta.

I prossimi impegni sono:

Creare un Centro di Educazione Ambientale

Organizzazione di seminari e incontri tra i cittadini ed esperti del settore, agricoltori, specialisti della varie discipline inerenti la conoscenza del territorio e l’orticoltura biologica, associazioni ed enti.

Costituzione di un archivio dati sulle ex servitù militari dismesse e delle iniziative che portino al loro riuso e riqualificazione per scopi artigianali, agricoli e culturali ed alla sensibilizzazione dei cittadini ad un uso consapevole del territorio.

Creazione di un centro di ricerca e raccolta di saperi antichi della cultura contadina regionale, con la quale si possa sviluppare una rete di scambio tra orticoltori di sementi biologiche per un ritorno ai ritmi delle stagioni e valorizzazione della biodiversità del territorio.

Creazione di momenti di incontro anche tra diverse generazioni per scambio di prodotti, conoscenze e saperi, anche secondo le modalità della banca del tempo e de “s’agiudu torrau”.

• Sviluppare sistemi di autoproduzioni, come risposta alla crisi economica, per un sostegno al reddito familiare, attraverso un’educazione alimentare che favorisca un consumo consapevole.

• Attivazione di piccoli sistemi per la produzione di energia rinnovabile, oltre al recupero delle acque meteoriche e delle acque reflue trattate per fini irrigui allo scopo di rendere i progetti autosufficiente.

 

Per qualunque informazione rivolgersi a

Tore Porta – 328.3599864 – e-mail : portatore@tiscali.it

Paolo Erasmo – 334.1170413 – e-mail : paoloterralba@gmail.com

AgriCulture Associazione di Promozione Sociale

N° 174 all’Albo Regionale delle Associazioni

sede viale Trieste 2 – 09124 Cagliari P.I. 03462080924 – C.F. 92195470924

associazione.agriculture@gmail.com

Sotto alcune foto dell’orto

 

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

28 marzo 1956

Molto difficile fare il confronto fra queste due foto.La zona è completamente cambiata,  si può fare riferimento alla torretta del Carcere di Buoncammino in alto a destra

Tag:, , , ,

Comments 9 Commenti »

E’ dal 2008 (vedi post) che denuncio il rischio sgretolamento che corre il nostro amato colle di Monte Urpinu! Percorro le strade che lo circondano quotidianamente, essendo nel mio quartiere, e giorno dopo giorno ho notato che il lato che incrocia la via Dexart , Via Raffa Garzia e  l’inizio del Viale Europa si sta letteralmente sbriciolando. Questa sera poi ho notato che il Comune ha transennato il marciapiede dove sono caduti diversi massi. La strada è sempre trafficata, soprattutto la mattina presto e la sera, da coloro che la percorrono per recarsi al parco a fare ginnastica, e questa caduta di pietre potrebbe essere molto pericolosa.

Speriamo che il comune ponga presto rimedio prima che sia troppo tardi!

Sotto alcune foto che ho scattato stasera.

Tag:, , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

escursione giornaliera in barca goletta Cagliari SardegnaL´itinerario prevede l´uscita dal Porto di Cagliari e la navigazione con rotta Sud Est lungo la costa cagliaritana. Lungo il percorso, gli ospiti avranno la possibilità di ammirare dall´imbarcazione la vecchia borgata di Sant´Elia ed il Lazzaretto, nonchè godere delle meraviglie naturalistiche ed archeologiche presenti sul Promontorio di Capo Sant´Elia, Cala Mosca, Cala Fighera, Grotta dei Colombi e la Torre del Poetto.

La navigazione proseguirà, poi, fino ad arrivare al traverso del porticciolo turistico di Marina Piccola, punto più vicino dal quale si potrà osservare la famosa “Sella del Diavolo”.
Per tutta la durata dell´escursione, sarà presente sull´imbarcazione personale esperto e qualificato, in grado di descrivere e fornire tutte le informazioni utili sul percorso effettuato, in maniera tale da coniugare l´aspetto ludico a quello storico-culturale. Il rientro al Porto di Cagliari è previsto dopo circa 6 ore.

 escursione con l´imbarcazione per un massimo 12 persone

COSTO DELL’ESCURSIONE: EURO 60,00 (pranzo compreso)

Giornata tipo:

Ore 10.30 circa partenza

 

  • Due soste per potersi immergere nelle limpide acque antistanti la zona di Cala Mosca e la famosa spiaggia del Poetto o fare snorkeling con l´attrezzatura fornita gratuitamente a bordo (maschera, boccaglio e pinne).

 

  • Pranzo compreso nel prezzo

 

  • Ore 16.30 rientro

Contatti

Trip Sardinia di C.L. [Servizi Turistici e Organizzazione Eventi]:
Viale Diaz 70a, 09125 Cagliari
tel. (+39) 070 305771 – 070 3099606
fax (+39) 070 305771
cell. (+39) 393 4417811 – (+39) 392 0508181

Nota bene: in caso di mancata risposta ai telefoni fissi, contattare i numeri di cellulare

e-mailinfo@tripsardinia.com

 

 

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

foto Augusto Soro


 Bellissima idea quella di creare una CACCIA AL TESORO NOTTURNA IN CASTELLO a Cagliari con tanti premi!

 ”I SEGRETI DI CASTRUM KARALIS” 

Un’avvincente avventura a squadre attraverso quattro percorsi tematici che rievocheranno antiche storie di Viceré, Arcivescovi, condannati e appestati… tanti indizi nascosti tra le pietre del quartiere medievale più affascinante della città, personaggi misteriosi che vi aiuteranno a scoprire gli indizi, tanto divertimento e premi per i primi, secondi e terzi classificati!

Parte degli incassi sarà devoluta alla ONLUS Bauclub, per la cura dei cani dei canili di Quartu S.E. e Settimo San Pietro (gruppo fb Bauclub:https://www.facebook.com/groups/376176785846556/?fref=ts )

DETTAGLI:

- Venerdì 20 giugno ore 21:00
- Composizione squadre: 3/4 persone

I PREMI PER LE PRIME TRE SQUADRE:

1° CLASSIFICATI: una cena in trattoria nel centro storico e il calendario Bauclub
2° CLASSIFICATI: una visita guidata notturna con la Trip Sardinia (a scelta tra gli itinerari”Nocturne Karalis” e “Popular Tour”) e le magliette Bauclub
3° CLASSIFICATI: calendario e penne Bauclub

QUOTE: 15€ a persona 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA, ENTRO E NON OLTRE MERCOLEDì 18 GIUGNO

INFO E PRENOTAZIONI:

TRIP SARDINIA, servizi turistici e organizzazione eventi – VIALE DIAZ 70/A
cell. 3920508181 tel. 070305771 mail info@tripsardinia.com site:www.tripsardinia.com
pagina fb: https://www.facebook.com/pages/Trip-Sardinia/192313170790425?fref=ts

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »